Stai cercando un tappeto di un preciso colore? Search by color


Stai cercando un tappeto di un preciso colore? Search by color

Blog

Tessuti per esterno: alcuni consigli per la manutenzione

10 aprile 2018

Il termine “tessuti per esterno” racchiude al suo interno tantissime tipologie di stoffe utilizzate nei modi più disparati, e sempre con il denominatore comune di una esposizione più o meno marcata agli agenti atmosferici. I tessuti per esterno comprenderanno dunque moquette, tappeti e passatoie per l’outdoor, tende da sole, rivestimenti e stoffe per l’arredo giardino e via discorrendo.

È facile comprendere che questa tipologia di prodotto può differire grandemente in termini di composizione. Nuovamente, però, è essenziale che ogni soluzione tessile per l’outdoor possa rivelarsi resistente agli agenti atmosferici mantenendo intatta la propria resa estetica e funzionale il più a lungo possibile.

Senza entrare nel merito della miriade di tipologie di tessuti per esterno, possiamo affermare che ciascuno di essi potrà quindi opporsi in modo efficace all’aggressione della pioggia, della grandine, della neve, del vento, della salsedine, dei raggi solari, dello smog. Al contempo, queste soluzioni dovranno resistere alle muffe e all’umidità e risultare facilmente pulibili.

In linea generale, uno dei nemici più noti dei tessuti per esterno è rappresentato dal sole che, con i suoi raggi UV, tende a danneggiare soprattutto il colore delle stoffe. Ecco perché un buon tessuto per outdoor sarà in grado di filtrare l’azione dei raggi ultravioletti e ritardare quanto più possibile lo scolorimento.

In termini generali, tuttavia, per procedere alla corretta manutenzione delle stoffe per outdoor bisognerà valutare inizialmente che tipo di sporco si è depositato sulla superficie. Di norma, polvere, smog e particelle di simile natura possono essere rimosse agevolmente utilizzando una semplice spazzola morbida e una soluzione di acqua e sapone (la proporzione ottimale è di 60 ml di sapone per 4 litri d’acqua a una temperatura non superiore ai 40°C). Il tessuto così spazzolato andrò poi risciacquato accuratamente in modo che il detergente venga del rutto rimosso. Attenzione inoltre a evitare la formazione di pericolose sacche d’acqua.

Il tessuto per esterni finalmente rimesso a nuovo andrà steso all’aria aperta e lasciato asciugare.

Nel caso in cui sull’elemento tessile per outdoor si depositassero sostanze più aggressive, come ad esempio la resina degli alberi oppure la muffa, andrà contattato il produttore nel caso in cui il prodotto sia realizzato in un tessuto specifico. Se invece il tessuto è acrilico tinto in massa, sarà possibile trattare la zona strofinandola delicatamente con una soluzione di candeggina diluita in acqua. Attenzione: la candeggina non va bene per ogni tipo di tessuto indistintamente! In caso di dubbio, la casa produttrice sarà in grado di fornirvi istruzioni più specifiche.

I tessuti per esterno non andrebbero mai stirati, né asciugati con apparecchi elettrici. Per mantenerli in ottimi condizioni più a lungo, è sempre consigliabile riporli in un luogo asciutto e coperto nel caso di condizioni atmosferiche particolarmente aggressive o nei momenti più freddi dell’anno.